fbpx

AFM Service S.r.l.
Via dei Mille, 132/134
24060 Castelli Calepio (BG)
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
P.I e C.F. 03335420166

Tel. 035 4425198
Fax. 035.2282041
Email. info@afmservice.it

I NOSTRI CORSI DI FORMAZIONE
TORNA INDIETRO

Addetti alle emergenze

Il corso è rivolto ai titolari d’impresa, amministratori di società o al personale aziendale, incaricati a svolgere le mansioni di addetto al primo soccorso nei luoghi di lavoro e ai lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio o gestione delle emergenze.

Scorpi di più
Vai al calendario dei Corsi Iscriviti al corso

Ai fini del primo soccorso le aziende sono classificate in 3 gruppi A, B e C (D.M. n. 388 del 15 luglio 2003), tenuto conto della tipologia di attività svolta, del numero di lavoratori occupati e dei fattori di rischio.

Aziende del gruppo A - 16 ore
  • Aziende o unità produttive a rischio di incidente rilevante soggette all’obbligo di dichiarazione o notifica, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari, aziende estrattive ed altre attività minerarie definite dal D.Lgs. 624/1996, lavori in sotterraneo, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni;
  • Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro, quali desumibili dalle statistiche nazionali INAIL relative al triennio precedente ed aggiornate al 31 dicembre di ciascun anno;
  • Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell’agricoltura
Aziende del gruppo B - 12 ore
  • Aziende o unità produttive a rischio di incidente rilevante soggette all’obbligo di dichiarazione o notifica, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari, aziende estrattive ed altre attività minerarie definite dal D.Lgs. 624/1996, lavori in sotterraneo, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni;
  • Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro, quali desumibili dalle statistiche nazionali INAIL relative al triennio precedente ed aggiornate al 31 dicembre di ciascun anno;
  • Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell’agricoltura
Aziende del gruppo C - 12 ore
  • Aziende o unità produttive a rischio di incidente rilevante soggette all’obbligo di dichiarazione o notifica, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari, aziende estrattive ed altre attività minerarie definite dal D.Lgs. 624/1996, lavori in sotterraneo, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni;
  • Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro, quali desumibili dalle statistiche nazionali INAIL relative al triennio precedente ed aggiornate al 31 dicembre di ciascun anno;
  • Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell’agricoltura
  • Assolvere all’obbligo di formazione degli addetti al primo soccorso
    (obbligo imposto ai datori di lavoro art. 18 comma 1 D.Lgs. 81/08);
  • Promuovere la costituzione di un’efficiente organizzazione dedicata ad effettuare interventi
    di primo soccorso tempestivi ed efficaci;
  • Aumentare le conoscenze sugli interventi di primo soccorso nei casi di infortunio o malore di dipendenti;
Come allertare il sistema di soccorso:
  • cause e circostanze dell’infortunio;
  • comunicare le predette informazioni in maniera chiara e precisa ai Servizi di assistenza sanitaria di emergenza;
  • come riconoscere un’emergenza sanitaria.
Scena dell’infortunio:
  • raccolta delle informazioni;
  • previsione dei pericoli evidenti e di quelli probabili.
Accertamento delle condizioni psico-fisiche dell’infortunato:
  • nozioni elementari di anatomia e fisiologia dell’apparato cardiovascolare e respiratorio;
  • tecniche di autoprotezione del personale addetto al pronto soccorso;
  • sostenimento delle funzioni vitali (polso, pressione, respiro);
  • stato di coscienza;
  • ipotermia ed ipertermia;
  • riconoscimento e limiti di intervento di primo soccorso;
Sostenimento delle funzioni vitali:
  • posizionamento dell’infortunato e manovre per la pervietà delle prime vie aeree;
  • respirazione artificiale;
  • massaggio cardiaco esterno;
Riconoscimento e limiti d’intervento di primo soccorso:
  • lipotimia, sincope, shock;
  • edema polmonare acuto;
  • crisi asmatica;
  • dolore acuto stenocardico;
  • reazioni allergiche;
  • crisi convulsive;
  • emorragie esterne post-traumatiche e tamponamento emorragico.
I rischi specifici presenti nell’ambiente di lavoro
Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro:
  • cenni di anatomia dello scheletro;
  • lussazioni, fratture e complicanze;
  • traumi e lesioni cranico-encefalici e della colonna vertebrale;
  • traumi e lesioni toraco-addominali.
Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro:
  • lesioni da freddo, da calore e da corrente elettrica;
  • lesioni da agenti chimici;
  • intossicazioni;
  • ferite lacero-contuse;
  • emorragie esterne.
Acquisire capacità di intervento pratico:
  • principali tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del SSN;
  • principali tecniche di primo soccorso nelle sindromi celebrali acute;
  • principali tecniche di primo soccorso nella sindrome respiratoria acuta;
  • principali tecniche di rianimazione cardiopolmonare;
  • principali tecniche di tamponamento emorragico;
  • principali tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato;
  • principali tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici.

In relazione ai corsi antincendio le aziende sono divise e raggruppate in base al fattore di rischio valutato in merito all’attività svolta. Sulla base di questa valutazione è possibile classificare il livello di rischio di incendio dell’intero del luogo di lavoro o di ogni altra parte di esso, in tre gruppi identificati come basso, medio, alto.

Rischio Basso - 4 ore

I luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze a basso tasso di infiammabilità e le condizioni locali e di esercizio offrono scarse possibilità di sviluppo di principio di incendio ed in cui, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata.
Quindi (indicativamente) per le attività NON soggette al rilascio del C.P.I. è prevista l’ istruzione sull’uso di estintori portatili avvalendosi di sussidi audiovisivi.

Rischio Medio - 8 ore

I luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze infiammabili c/o condizioni locali e/o di esercizio che possono favorire lo sviluppo di incendi, ma nei quali, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata.
Attività generalmente soggette al rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi (C.P.I.) da parte dei Vigili del Fuoco, non ricomprese fra quelle ad alto rischio del gruppo precedente; cantieri con detenzione e impiego di sostanze infiammabili e uso di fiamme libere (esclusi quelli interamente all’aperto). È prevista una esercitazione sull’uso di estintori portatili, naspi e idranti.

Rischio Alto - 16 ore

I luoghi di lavoro o parte di essi, in cui, per presenza di sostanze altamente infiammabili e/o per le condizioni locali e/o di esercizio sussistono notevoli probabilità di sviluppo di incendi e nella fase iniziale sussistono forti probabilità di propagazione delle fiamme, ovvero non è possibile la classificazione come luogo a rischio di incendio basso o medio.
Fabbriche e depositi di esplosivi, cantieri con impiego di esplosivi o in sotterraneo di lunghezza superiore a 50 m., case di cura, centrali termoelettriche, depositi al chiuso di materiali combustibili aventi superficie coperta superiore a 20.000 mq., attività commerciali ed espositive con superficie coperta superiore a 10.000 mq., eccetera. È prevista una esercitazione sull’uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione.

Fornisce le conoscenze teoriche e pratiche necessarie per prevenire gli incendi, gestire le emergenze e predisporre un’efficace lotta antincendio a soggetti che operano in contesti aziendali in cui si svolgono attività classificate dalla normativa in materia.
Al termine del corso verrà rilasciato il certificato di Frequenza, comprovata la frequenza di almeno il 100% delle ore di formazione e verifica di apprendimento.

Parte teorica:
Incendio e prevenzione: i limiti della combustione, i prodotti della combustione, le sostanze estinguenti, effetti dell’incendio sull’uomo, divieti e limitazioni d’esercizio, misure comportamentali.
Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio: le principali misure di protezione antincendio, evacuazione in caso di incendio, chiamata dei soccorso

 

Prova pratica:
Addestramento teorico-pratico: presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili.
Addestramento pratico: esercitazione sull’uso degli estintori portatili effettuata avvalendosi di sussidi audiovisivi o tramite dimostrazione pratica.

L’aggiornamento del corso di primo soccorso obbligatorio è TRIENNALE,
come definito dal D.M. 388 del 15.07.2003:

Aziende del gruppo A – 6 ore
Aziende del gruppo B – 4 ore
Aziende del gruppo C – 4 ore